...::: IL REZZONICO-CYBERSOFIA :::...

...::: IL REZZONICO-CYBERSOFIA :::...
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

lunedì 19 aprile 2021 ore 05:49:11
 Tutti i Forum
 Cybersofia
 Cinema
 The Bad Lieutenant
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Biuso
Amministratore

Città: Catania/Milano


2876 Messaggi

Inserito il - 31/03/2007 : 23:59:53  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Biuso Invia a Biuso un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ABEL FERRARA
IL CATTIVO TENENTE
(Bad Lieutenant)
con Harvey Keitel, V. Argo, Z. Lund
USA 1992





Ho rivisto questo film, questa lezione di cinema e di morale. Che racconta di un uomo davvero bad. Corrotto, cocainomane, scommettitore, lussurioso. Che si muove in una città lurida e sporca. Il suo itinerario verso il male diventa progressivamente più sordido e veloce, scandito da due forze contrapposte. Una è il bene, rappresentato da una giovane suora brutalmente violentata in una chiesa ma che ha perdonato i suoi aggressori, cosa per il tenente incomprensibile. L'altra è il male, simboleggiato dall'accanimento con cui scommette migliaia di dollari su una finale di baseball la cui cronaca fa da leitmotiv all'intero film e che ne segnerà la fine.

Un mondo svuotato, una ferocia senza direzione, l’oscillare tra perdizione e redenzione, altari, santini, prime comunioni…tutto immerso in un pessimismo antropologico davvero radicale. La narrazione risulta tanto più efficace in quanto nulla concede allo spettacolo. È un film freddo e appassionato, duro e coraggioso. Sostenuto dalla splendida recitazione di Harvey Keitel, che è sempre in scena e che incarna un personaggio totale, rendendolo del tutto credibile. Mentre il film procede, la macchina da presa comincia impercettibilmente a vagare, a tremolare, a inventare deliri e allucinazioni, quasi proiezione della psiche del protagonista. Una vera e propria discesa nell'inferno dell'abiezione umana, di rado espressa con tanta spietatezza, con lucidità e con un disperato bisogno di salvezza.

agb
«Per realitatem et perfectionem idem intelligo» (Spinoza, Ethica, parte seconda, VI definizione)
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
...::: IL REZZONICO-CYBERSOFIA :::... © 2004-2020 A.G.Biuso Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,17 secondi Herniasurgery.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000