...::: IL REZZONICO-CYBERSOFIA :::...

...::: IL REZZONICO-CYBERSOFIA :::...
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

domenica 29 novembre 2020 ore 17:10:39
 Tutti i Forum
 Cybersofia
 Cinema
 Il vento fa il suo giro
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Biuso
Amministratore

Città: Catania/Milano


2843 Messaggi

Inserito il - 17/02/2008 : 12:26:22  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Biuso Invia a Biuso un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Giorgio Diritti
Il vento fa il suo giro
(E l’aura fai son vir)
Italia, 2005
Con: Tierry Toscan (Philippe Héraud), Alessandra Agosti (Chris Héraud), Dario Anghilante (Costanzo, il sindaco), Giovanni Foresti (Fausto)





Chersogno si trova in Valle Maira, nell’Alto Cuneese. Il magnifico paesaggio delle Alpi Occitane è ormai abitato da poche persone. Solo d’estate arrivano i villeggianti a restituire un po’ di effimera vivacità a questi luoghi. Philippe Héraud non è uno di loro. È, invece, un ex professore che ha abbandonato la cattedra e ora vive allevando capre e producendo formaggi. Ha lasciato anche i Pirenei, a causa della costruzione di una centrale nucleare, e vuole comprare casa tra queste valli in cui si parla ancora la lingua d’oc, pur essendo ben consapevole che la tradizione da sola non salva nessuno. La minuscola comunità –qualche decina di persone- è divisa. Il sindaco intende invece accogliere quest’uomo, i suoi animali, la sua famiglia. Dopo alcune settimane, cominciano le rivalità, le gelosie, le incomprensioni verso una vita sobria, libera, del tutto naturale, come quella che i nuovi venuti conducono. In un crescendo di violenza e di gelo, si arriva alla tragedia.

Girato e prodotto in totale autonomia e con la piena collaborazione della gente che abita i luoghi in cui è ambientato, Il vento fa il suo giro ha ottenuto riconoscimenti presso molti festival e rassegne. Da nove mesi (!) è in programmazione al Cinema Mexico di Milano. È un film molto bello, freddo e insieme colmo di pietas verso l’umanità e le sue contraddizioni. Un film che a partire da un contesto circoscritto sa affrontare il tema dell’Alterità con rigore e poesia. Nessuna retorica bucolica lo intesse ma –invece- la capacità di far emergere con naturalezza ed efficacia i sentimenti, le aspirazioni, le miserie di una comunità che si ripiega su se stessa. Al di là, dunque, di ogni troppo netta contrapposizione tra la Gemeinschaft solidale e la Gesellschaft anonima, il rapporto tra identità e differenza rimane sempre problematico. Ma una comunità chiusa non può che morire. Letteralmente.
Il titolo fa riferimento a un detto occitanico e sta a indicare il ritorno –eterno- di tutte le cose.


agb
««Per lætitiam...intelligam passionem qua mens ad majorem perfectionem transit» (Spinoza, Ethica, III, XI, Scholium)
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
...::: IL REZZONICO-CYBERSOFIA :::... © 2004-2020 A.G.Biuso Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,22 secondi Herniasurgery.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000