...::: IL REZZONICO-CYBERSOFIA :::...

...::: IL REZZONICO-CYBERSOFIA :::...
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

martedì 31 gennaio 2023 ore 18:46:52
 Tutti i Forum
 Cybersofia
 Cinema
 Half Nelson, Black Eyed Dog, Khadak (Venezia 2)
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Biuso
Amministratore

Città: Catania/Milano


2900 Messaggi

Inserito il - 10/09/2006 : 00:18:10  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Biuso Invia a Biuso un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ryan Fleck
HALF NELSON
USA

Il giovane Dan insegna storia in una scuola frequentata da neri, allena i ragazzi al basket ed è molto amato. Ha bisogno, però, di imbottirsi periodicamente di droghe. Una delle sue allieve più capaci, Drew, lo scopre e fra i due inizia una complice e difficile amicizia.
Il film ha ritmi a volte troppo lenti e compiaciuti, tende pericolosamente al politicamente corretto e il protagonista è un po’ troppo gigione.


***


Pierre Gang
BLACK EYED DOG
Canada

Betty fa la cameriera nella piccola città canadese da cui progetta di andar via senza mai riuscirci. Suo padre è insignificante, la madre malata di mente, la sorella le ruba i soldi e l’ex fidanzato la perseguita…
Un film brutto e ridicolo, con una sceneggiatura penosa che concentra in un solo personaggio tutte le disgrazie del mondo e fa mettere insieme in modo assolutamente inverosimile una ragazza sensibile e intelligente con un bruto violento e ottuso. Sullo sfondo c’è pure un serial killer e il finale è inaspettatamente happy. Un concentrato di ciò che il cinema NON deve essere.



***


Jessica Woodworth – Peter Brosens
KHADAK
Belgio, Germania, Olanda
www.khadak.com/



Steppe della Mongolia. In una famiglia di pastori nomadi, il giovane Bagi mostra di avere poteri sciamanici. Le autorità del Paese costringono la sua gente a trasferirsi in una squallida città mineraria col pretesto, falso, di una epidemia che avrebbe colpito gli animali. Insieme a una ladra di carbone alla quale ha salvato la vita, Bagi riesce a far tornare il suo clan nelle steppe.
Il film ha ottenuto a Venezia il Premio opera prima e lo merita pienamente. Una narrazione che è insieme intima ed epica; immagini raffinate e pulite; la potenza del Sacro che si fa silenzio, canto, urlo; lo spazio e il tempo dominati dagli sciamani. Film bellissimo, pulsante di amore verso la Terra e la sua potenza.


agb
«verso la luce –l’ultimo tuo movimento;
un giubilo di conoscenza
–l’ultimo tuo accento»
(Nietzsche)
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
...::: IL REZZONICO-CYBERSOFIA :::... © 2004-2021 A.G.Biuso Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,18 secondi Herniasurgery.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000