...::: IL REZZONICO-CYBERSOFIA :::...

...::: IL REZZONICO-CYBERSOFIA :::...
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

lunedì 24 giugno 2019 ore 21:47:32
 Tutti i Forum
 Cybersofia
 Cinema
 Il cuoco, il ladro, sua moglie e l'amante
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Biuso
Amministratore

Città: Catania/Milano


2695 Messaggi

Inserito il - 12/02/2005 : 16:21:31  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Biuso Invia a Biuso un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Sono riuscito finalmente a trovare il dvd di questo capolavoro di Peter Greenaway (uscito nel 1989), l’unico film che conosco che possa stare alla pari con le opere di Stanley Kubrick.

Un gangster proprietario di un ristorante è ossessionato dal cibo, è violento con la moglie, è sadico con tutti; non fa che mangiare e parlare, parlare...come chi non ha nulla da dire. A lui si contrappone un mite libraio, collezionista di volumi sulla storia francese, il quale affascina la moglie del criminale e ne fa la propria amante. Scoperto, fa una fine orribile ingozzato con i suoi stessi libri. La donna si vendicherà sul ladro in un modo che è meglio non svelare, per gustare da sé la geniale metafora…

È un film in cui straripano insieme tutta la miseria interiore dell’umanità e l’assoluta bellezza, il trionfo della forma. Vi è una incomparabile ricchezza cromatica, intessuta delle splendide musiche di Michael Nyman, esaltata dai sontuosi costumi di Jean Paul Gauthier. Un’opera pervasa di fasto e di intelligenza. I temi del cinema di Greenaway vi si concentrano e addensano in maniera perfetta: il cibo, la morte, il sesso, la geometria e i suoi colori, il ritmo seriale e sequenziale, una debordante totale magnifica carnalità.

agb
Sono figlio della Terra e del Cielo stellato
(Lamina orfica di Hipponion)

hooverine
1° Livello


Regione: Italia


83 Messaggi

Inserito il - 15/02/2005 : 14:03:12  Mostra Profilo Invia a hooverine un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
lo vidi anni fa in un piccolo cinema d'essai. non avevo ancora la patente, e mia madre (con notevole disappunto ed estrema disapprovazione), mi accompagnava e mi veniva a prendere, e quasi non voeva che le raccontassi le trame dei film che andavo a vedere. negli stessi mesi vidi anche "Sweetie", il primo cortometraggio di Jane Campion. Mia madre a un certo punto sbottò: "possibile che tu veda solo film i cui protagonisti sono pazzi o malati"?
ci andavo da sola, me li gustavo da sola. erano altri tempi. "Il cuoco, il ladro, sua moglie e l'amante", nella sua scena finale, mi provocò conati di vomito: lo ritengo un punto a vantaggio del regista. il crescendo inesorabile, la somma di oggetti e appetiti e abiti e tavole imbandite ha lo scopo (o almeno così ebbi l'impressione quel pomeriggio di sette anni fa) di far stringere lo stomaco allo spettatore per quella forchettata.

ài èm an àrtist! ài nìd mài intellèctual fridom!
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
...::: IL REZZONICO-CYBERSOFIA :::... © 2004-2019 A.G.Biuso Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,2 secondi Herniasurgery.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000