...::: IL REZZONICO-CYBERSOFIA :::...

...::: IL REZZONICO-CYBERSOFIA :::...
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

sabato 31 luglio 2021 ore 02:02:19
 Tutti i Forum
 Cybersofia
 Musica
 Musica cristiana e sefardita
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

A.M.E.
2° Livello

Città: Catania


116 Messaggi

Inserito il - 24/11/2009 : 18:20:56  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di A.M.E. Invia a A.M.E. un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Palazzo Biscari
Mercoledì 25 Novembre 2009 ore 21.15

Ensemble ANTONIO IL VERSO
L'eredità della tradizione araba nella musica cristiana e sefardita

Picci Ferrari voce
Fabio Midolo voce
Silvio Natoli oud, viella
Perla Manfrè arpa gotica, arpa doppia
Fabrizio Francoforte percussioni

Secondo l'editto di espulsione firmato il 31 marzo 1492 da Isabella di Castiglia, tutti gli ebrei di Spagna avrebbero dovuto lasciare il paese abbandonando case, "pezzi d'oro e monete coniate". […] Gli ebrei che rifiutarono la conversione vennero esiliati dai territori del regno. Dapprima il vicino Portogallo diede rifugio agli ebrei, ma ben presto furono costretti da un nuovo decreto di espulsione a sparpagliarsi verso la Francia, l'Africa del Nord, l'America del Sud ed i paesi dell'Impero Ottomano, ricreando nuovamente le premesse per ulteriori occasioni di incontro e confronto tra culture diverse.
Nella musica dei sefarditi della diaspora è evidente la matrice spagnola, medievale e rinascimentale, ma anche i meccanismi musicali islamici evidenti in scale, modi, ornamenti, improvvisazioni e stile interpretativo.
I segni della cultura sefardita e araba sono ancora riconoscibili oggi in varie forme del flamenco, sia nei modi strumentali (il baile e il toque) che in quelli vocali (il cante). Il "cante hondo" o "jondo", ad esempio, una forma vocale di contenuto intenso ed emozionale, prende il nome dall'ebraico "yom tom", giorno di festa. (Silvio Natoli)


L'Ensemble di Musica Antica Antonio il Verso è una formazione vocale e strumentale ad organico variabile.
Si è costituito nel 1982 nell'ambito delle iniziative didattiche promosse dall'Associazione Siciliana Amici della Musica di Palermo, con il progetto di dedicarsi esclusivamente alla musica rinascimentale e barocca, avvalendosi della collaborazione dell'Istituto di Storia della musica dell'Università di Palermo, oggi Dipartimento Aglaia, suo punto di riferimento scientifico.
Ha partecipato a numerose manifestazioni concertistiche nelle principali città italiane organizzate da associazioni quali la Barattelli dell'Aquila, gli Amici della Musica di Palermo, la Filarmonica Laudamo di Messina e da altre specializzate nella programmazione della musica antica, quali la Jacopo da Bologna di Bologna e la Settimana Internazionale di Musica Medievale e Rinascimentale di Erice.
Fuori dall'Italia ha partecipato al Festival di musica mediterranea di Orano, all'esecuzione in forma scenica degli Intermedi di Francesco Corteccia, al Festival di Musica Antica di Ambronay in Francia e ha partecipato all'esecuzione del Vespro per lo Stellario della Beata Vergine che ha avuto luogo in occasione del XXX Festival de Musique de la Chaise Dieu.
Ha collaborato con l'Ensemble Elyma diretto da Gabriel Garrido alla realizzazione di opere barocche eseguite a Palermo nell'ambito della stagione estiva della Fondazione Teatro Massimo.
Negli ultimi anni il frutto più importante di questa collaborazione è stata la realizzazione del "Progetto Monteverdi" nell'ambito del quale sono stati rappresentati L'Orfeo, Il ritorno d'Ulisse in patria, Il combattimento di Tancredi e Clorinda, Il Vespro della Beata Vergine e L'incoronazione di Poppea.
Lo Studio collabora inoltre con l'organaro Franco Oliveri dando vita ad una rassegna annuale di concerti sugli organi storici nelle chiese delle province siciliane.
Recentemente collabora con l'ensemble d'archi creato in seno alle attività del Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio di Palermo.


PROGRAMMA

Anonimo Sefardita Plany de Estelina
Cantigas de Santa Maria Por nos de dulta tirar
Jehuda Ha - Levi (arabo - Andaluso) Non me mordas ya habibi

Cantigas de Santa Maria De todo mal
Tradizionale sefardita (Orano) El Rey de Francia
Cantigas de Santa Maria Pero que seja a gente

Anonimo (arabo-andaluso) Festa de la circoncision
Tradizionale sefardita (Andalusia) El rey que mucho madruga
Tradizionale sefardita (Sarajevo) Por que llorax blanca nina

Tradizionale sefardita (Andalusia) Sa' dawi
Cantigas de Santa Maria A virgen madre
Anonimo (arabo-andaluso) San'a Darj

Tradizionale sefardita (Andalusia) Dos amantes
Tradizionale sefardita (Andalusia) Avrix mi galanica



Associazione Musicale Etnea
95131 Catania - Via Museo Biscari, 10
Tel. 39 095 321252 - fax 39 095 320424
http://www.ame.ct.it

Biuso
Amministratore

Città: Catania/Milano


2900 Messaggi

Inserito il - 27/11/2009 : 15:54:45  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Biuso Invia a Biuso un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Qui il mio commento a questo concerto davvero assai bello: Sa’dawi


agb
«Vivere con immensa e superba imperturbabilità; sempre al di là» (Nietzsche)
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
...::: IL REZZONICO-CYBERSOFIA :::... © 2004-2021 A.G.Biuso Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,22 secondi Herniasurgery.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000